Cookies

Questo sito utilizza i cookies. Accettando e acconsentendo all’utilizzo dei cookies ci permette di offrirle il miglior servizio possibile. Per ulteriori informazioni, clicchi qui Qui troverà ulteriori informazioni sull’utilizzo dei cookie e come cambiare le impostazioni.

Modalità di scatto

Oltre a consentire al fotografo di impostare tutti i parametri manualmente, la maggior parte delle fotocamere mette a disposizione varie modalità di scatto che affidano alla fotocamera la configurazione automatica di particolari parametri. Alcune di queste impostazioni predefinite sono particolarmente adatte per il digiscoping e aiutano a ottenere rapidamente immagini di buona qualità.

Olympus and SWAROVSKI OPTIK TLS APO

IMPOSTAZIONI CONSIGLIATE PER FOTOCAMERA



Impostazione manuale

Questa impostazione viene utilizzata per selezionare manualmente tutti i parametri. Per ottenere un breve tempo di esposizione, è bene selezionare il massimo valore ISO che non produca rumore d’immagine. Per il digiscoping si consiglia un tempo di esposizione di 1/125 di secondo o anche meno.


Priorità apertura: A/Av

La modalità Priorità apertura è particolarmente utile quando si utilizza l’attrezzatura di digiscoping in combinazione con l’adattatore basculante DCB II (con fotocamere compatte o mirrorless e obiettivo pancake).
Il vantaggio principale offerto da questa modalità è che viene utilizzato il tempo di esposizione più breve al massimo valore ISO e alla massima apertura. La modalità Priorità apertura è inoltre utile quando si utilizzano fotocamere senza obiettivo (TLS APO), ma che consentono di impostare manualmente il valore di diaframma attraverso un menu. Questo valore deve essere il più realistico possibile (tra 10 e 20, a seconda dell’ingrandimento selezionato), in modo che la fotocamera possa calcolare di conseguenza il tempo di esposizione.


Modalità Scene

Le modalità Scene (SCN) offerte da numerose fotocamere sono molto utili per ottenere rapidamente buoni risultati quando si fa digiscoping. Queste modalità provvedono a modificare le impostazioni predefinite quando necessario. Le modalità con tempi di esposizione brevi e conseguentemente alti valori ISO, come ad esempio la modalità “sport” o “bambini che giocano” per soggetti in movimento e la modalità “ritratto” o “paesaggio” per soggetti stazionari, sono particolarmente adatte al digiscoping.


Modalità Video

In condizioni difficili e con poca luce, la modalità Video può risultare utile. A causa dei movimenti e della trasmissione audio, un video non a fuoco è tollerato più di una foto che non è a fuoco.

Data l’elevata lunghezza focale e l’effetto leva associato, è consigliabile l’utilizzo di uno scatto remoto in quanto un qualsiasi contatto con la fotocamera potrebbe portare l’immagine fuori fuoco. Per buona parte delle fotocamere SLR e mirrorless sono disponibili scatti remoti o a cavo. Alcune fotocamere sono vendute con un modulo Wi-Fi integrato (ad esempio la Panasonic GH3), che consente di utilizzare la fotocamera a distanza e in modo affidabile tramite uno smartphone o un tablet. Per verificare se la fotocamera, il dispositivo mobile e le loro funzionalità sono compatibili, rivolgetevi al vostro rivenditore. Una cosa che è importante sottolineare è che è comunque necessario mantenere inquadrato il soggetto ed eseguire una messa a fuoco approssimativa con il telescopio da osservazione.
Tra le fotocamere compatte adatte al digiscoping, non sono attualmente disponibili modelli utilizzabili con uno scatto remoto. Per queste fotocamere potrebbe essere utile l’utilizzo dell’autoscatto.