Cookies

Questo sito utilizza i cookies. Accettando e acconsentendo all’utilizzo dei cookies ci permette di offrirle il miglior servizio possibile. Per ulteriori informazioni, clicchi qui Qui troverà ulteriori informazioni sull’utilizzo dei cookie e come cambiare le impostazioni.

LiveView

Utile per il digiscoping?

Buona parte delle fotocamere digitali compatte, mirrorless o DSLR dispongono di una funzione LiveView. Quando si utilizza normalmente la fotocamera, l’anteprima che appare sul display viene spesso utilizzata in sostituzione del mirino. Questa funzione può essere utilizzata anche per il digiscoping. I vantaggi e i consigli riportati di seguito potrebbero essere utili a chi fa digiscoping.

Olympus OM-D E-M1

Molti fotografi che utilizzano fotocamere DSLR si affidano a ciò che vedono sul mirino ottico per avere il massimo controllo sull’immagine. Ciò significa, in primo luogo, mettere a fuoco il soggetto nel punto desiderato; in secondo luogo, scegliere la parte dell’immagine da includere nel fotogramma e, in terzo luogo, valutare la profondità di campo, a condizione che il modello di fotocamera utilizzato lo consenta. Una quarta operazione che vale la pena citare qui, è il controllo rapido e intuitivo delle varie funzioni della fotocamera attraverso la barra di stato visualizzata all’interno del mirino. Ciò, tuttavia, dipende essenzialmente dal modo in cui ogni singolo fotografo utilizza la propria fotocamera.

Ora, in molti casi, il tradizionale mirino ottico è stato sostituito da un mirino digitale: è dunque possibile vedere un’immagine simile a quella visibile in un mirino ma, invece di essere analogica (“reale”), l’immagine del soggetto osservato attraverso l’obiettivo appare sul display della fotocamera. Ciò vale in particolare per i più recenti modelli di fotocamera mirrorless. Grazie, infatti, a una frequenza di fotogramma sufficientemente elevata, queste immagini sono assolutamente paragonabili a quelle visibili attraverso un normale mirino ottico. È tuttavia consigliabile eseguire prove sufficienti per escludere ritardi a livello della visualizzazione delle immagini, soprattutto quando si effettuano rapidi movimenti (ad esempio con una fotocamera Olympus OM-D).

Tuttavia, molte fotocamere compatte non offrono più un mirino ottico o digitale, ma consentono di utilizzare il display per controllare la maggior parte delle funzioni della fotocamera, come ad esempio l’inquadratura e la messa a fuoco. Una caratteristica importante offerta dal display delle fotocamere è la possibilità di inclinarlo e articolarlo, cosa che può essere molto utile per il digiscoping.



Che rilevanza hanno tutti questi sviluppi per il digiscoping?

Langes monokulares Beobachten ist für das Auge anstrengend, das gilt für das Kamerasucherbild gleichermaßen wie für das Beobachten mit Teleskop. Erwartungsgemäß „beobachtet“ der (Natur-)Fotograf weniger lange, jedoch dauert es oft eine gewisse Zeit, bis der Seeadler auf Beutejagd geht oder die jungen Wiedehopfe ihr Nest verlassen. Wenn man also sein Teleskop samt Kamera aufgebaut und auf das gewünscht Objekt ausgerichtet hat, lässt sich durch das Livebild am Kameradisplay viel entspannter beobachten als durch den permanenten, ermüdenden Blick durch Sucher oder Teleskopokular. Bei steilen Visuren kann ein klappbares Display zudem eine sehr entspannte Beobachtungssituation gewährleisten.

SWAROVSKI OPTIK STX 85 and PA-i5 Adapter for iPhone 5/5s

LiveView tramite Wi-Fi

Le attuali fotocamere offrono anche la possibilità di trasferire l’immagine osservata sulla fotocamera o attraverso il telescopio su uno smartphone o su un tablet PC tramite una connessione wireless, in modo da rendere ancora più pratica l’osservazione e l’utilizzo dell’attrezzatura di digiscoping (ad esempio con una fotocamera Canon 70D, Olympus OM-D EM-1 o Samsung NX2000). Se si stanno osservando animali con una grande distanza di fuga, questa funzionalità consente di mantenersi a una distanza di sicurezza e contemporaneamente utilizzare la maggior parte delle funzioni della fotocamera. È comunque bene non sopravvalutare questa applicazione con soggetti in movimento. La fotocamera deve infatti essere costantemente riconfigurata.

La messa a fuoco del soggetto desiderato è un’operazione alquanto difficile, e dipende dalle caratteristiche del display (risoluzione, luminosità, dimensioni, ecc.) e dall’efficienza del software della fotocamera. Spesso, è possibile ad esempio ottenere un rapporto di ingrandimento di 1:1. È dunque possibile visualizzare una parte dell’immagine in dimensioni reali (invece di visualizzare l’intera immagine che risulterebbe quindi rimpicciolita sul display della fotocamera) e rendere così molto più agevole la messa a fuoco. Quando la visualizzazione dell’immagine è di bassa qualità, è preferibile osservare l’immagine attraverso il mirino.

L’utilizzo della funzione LiveView quando si fa digiscoping offre la possibilità di scegliere tra diverse e nuove soluzioni di osservazione. Si consiglia, tuttavia, di utilizzare direttamente l’immagine osservata nel mirino solo nel caso di digiscoping a mano libera (senza treppiede).